Milan Femminile a caduta libera manca gioco e motivazione, tutta colpa di Mister Ganz? O bolle altro nel pentolone?

Credit Photo: Milan News 24

Questo Milan non sa più vincere? Anche nella gara di ieri dopo un doppio vantaggio contro il Como, squadra ammirevole per il coraggio della prestazione ma notevolmente più debole come organico, le Rossonere in vantaggio prima 2-1 e poi 3-1 si sono fatte rimontare nel finale per un pareggio che accontenta solo le ospiti comasche.

Il Milan di mister Ganz ha la capacità di sciogliersi come la neve al sole, un Milan che nonostante ha un gran parco di giocatrici in ogni reparto, non riesce a trovare mai il bandolo della matassa e la concretezza che questa stagione doveva regalargli, come la serenità dopo il bisticcio Boquete-Giacinti contro Ganz, con il divorzio che ha portato lontane fin da gennaio dello scorsa stagione due signore giocatrici così.

E dire che la rosa è ricca di innesti importanti non ultimo quello della stella Asllani, per non contare: Thomas, Piemonte, capitan Bergamaschi, Adami, Guagni, Soffia, Tucceri Cimini, Giuliani, solo per fare qualche nome a caso. Una rosa che dovrebbe fare veleggiare questa squadre nei quartieri altissimi della nostra serie A, invece il gioco rossonero si inceppa sempre, in particolare con le “piccole” e il Milan continua a prendere sonori schiaffoni che stanno sempre di più stancando i propri tifosi ormai delusi e sconsolati nel vedere tanta pochezza nelle geometrie proposte in campo e nella famosa “garra” agonistica subita da tempo.

Senza girarci troppo intorno la società continua a dare fiducia incondizionata a mister Maurizio Ganz, mentre in tanti puntano il dito proprio su di lui per questa maturità che, nonostante il buon organico, le ragazze rossonere non sono riuscite mai a fare. Una scelta progressiva che sull’altro fronte di Milano l’ha fatta sicuramente l’Inter, guidata da Guarino che, nel giro di pochissimo tempo, ha costruito prima nella testa e poi nelle gambe la sua nuova creatura che sta plasmando piano piano e che, a oggi, è già due spanne sopra il Milan.

Mister Ganz, invece, sta predicando nel deserto un verbo che forse non produce gli effetti sperati, ma nonostante da tre anni ci siano forti problemi di gioco e di spogliatoio, il suo posto non è stato mai messo in discussione, ma come può essere possibile? E se la società ritiene che il problema non sia l’allenatore qual è il male oscuro che attanaglia le ragazze rossonere?

Quest’anno di questo passo il Milan potrebbe rischiare di compromettere inevitabilmente anche questo ennesimo campionato, qualcuno corra ai ripari, in caso va bene anche qualche formula magica recitata da uno sciamano…

Danilo Billi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...