Per la Roma battere la Juventus in campionato rimane un tabù, le Lupe perdono in casa 2-4

Credit Photo: Domenico Cippitelli – Siamo la Roma

Male, anzi molto male per lo scontro diretto delle nostre Lupe prime in classifica a +6 dalla vecchia signora che, vincendo oggi, rosicchia 3 punti importantissimi che la separano della giallorosse, ma soprattutto impone ancora la sua legge negli scontri diretti, vincendo il secondo di questo campionato. E dire che per le Lupe davanti a un Tre Fontane completamente esaurito e con i tifosi della Roma che hanno accolto in campo le proprie beniamine con tanto di coreografia e cori, le cose si sono messe subito bene, con il goal in contropiede di una Serturini che riesce al 2′ a stoppare la palla e dopo un cross al bacio di Giuliano si invola verso la porta avversaria e fredda la Juventus. Ma il vantaggio e il sogno d’infrangere finalmente il tabù di battere la Juventus anche in campionato, dopo aver conquistato la Supercoppa ai rigori, svanisce prima al 14’ sui piedi di Beerensteyn, che brucia tutta la difesa romanista e siglal’1-1. Le Lupe incassano il colpo ma tentano ugualmente di tessere la loro trama per imporre il loro gioco, ma a passare è ancora la Juventus al 38’ con Girelli sugli sviluppi di calcio di punizione poco fuori dall’area. Calcio di punizione abbastanza dubbio, tanto che le stesse giocatrici e lo staff tecnico lo hanno duramente contestato al direttore di gioco, ma il primo tempo si chiude con la Juventus in vantaggio per 2-1 sul campo della Roma.
Nella ripresa le Lupe trovano subito la reazione che tutti si aspettavano e anche il goal di Andressa che è brava a ribadire in rete il palo preso da Giacinti, fa letteralmente esplodere il Tre Fonante che accompagna come non mai a suon di cuori le nostre ragazze, spingendole a tentare di ribaltare il match. Ma la Juventus è più viva e avvelenata che mai, sfrutta ogni spazio che le viene lasciato, infatti al 67’ è di nuovo la Juve ad andare a bersaglio: Grosso imbecca Beerensteyn in profondità, l’olandese salta Wenninger e con un destro a giro supera Ceasar. Mister Spugna fa una girandola di cambi nel tentativo di raddrizzare il Titanic prima che affondi, ma oggi non è giornata, come ogni volta che s’incontra la Juve in campionato, è infatti al 79’ che Grosso, una delle migliori in campo del match, sigla il definitivo 2 a 4 che rimanda ancora una volta la vittoria della Roma in campionato contro le piemontesi, dimostrando che alla fine purtroppo questo gap tecnico che tutti pensavamo fosse colmato è ancora lontano dall’esserlo. Ma ormai se ne riparlerà forse solo nell’anno 2023, visto che questa gara è l’ultima prima della sosta di Natale. Questa sconfitta è la seconda consecutiva fra Women’s Champions League e campionato. Per le Lupe rimane ancora un impegno la prossima settimana proprio in coppa, prima di congedarsi dai propri tifosi e speriamo possano farlo regalandoci un sorriso europeo.

Danilo Billi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...